Fernando Belasteguín, numero 1 della classifica di padel per 16 anni e ambasciatore CUPRA, affronta una delle più grandi sfide della sua carriera: colpire un bersaglio di 70×50 cm da un'altezza di 36 metri con un colpo preciso.

Sei di sera, Barcellona. Fernando Belasteguín, meglio conosciuto come "Bela", si sta preparando per uno dei colpi più difficili della sua carriera sportiva. Anche se è una leggenda del padel ed è stato il più longevo numero 1 del mondo per 16 anni consecutivi, ammette ancora che non pensava che questa sfida potesse essere fatta. "Ma ora non me ne andrò da qui finché non avrò colpito".

 

Fernando Belasteguín Padel

Fernando Belasteguín - No. 1 nella classifica mondiale di padel

 

Il compito di Bela: 
Dall'ottavo piano di un edificio nel porto di Barcellona, Bela deve colpire la palla attraverso il tetto apribile di 70×50 centimetri della CUPRA Ateca (Seat), parcheggiata 36 metri sotto, con un colpo unico. Il biofisico Enric Álvarez dell'Università Politecnica della Catalogna analizza i requisiti.

"Il colpo deve essere eseguito con grande precisione. Deve avere il giusto angolo e la giusta velocità. Questo colpo è praticamente impossibile", dice lo scienziato. Una complicazione in più: il pallonetto è considerato il miglior colpo di Bela, ma per questo compito non lo aiuterà.

"Penso che dovrò colpire la palla come non ho mai fatto prima", dice.

Quando Bela esce sulla terrazza, sente il vento, un'altra difficoltà. Vicino al mare e da una tale altezza, una folata di vento potrebbe compromettere anche il tiro più preciso, deve scegliere il momento giusto.

 

Fisica e biomeccanica sotto controllo: 
Bela fa qualche passo indietro per poter oscillare senza ostacoli, lancia la palla in aria, fa uno swing e colpisce. Con un angolo di inclinazione di 10 gradi e una velocità di 54 km/h, la palla cade nel suo obiettivo.

Bela festeggia il risultato:
"Chi avrebbe mai pensato che dopo 30 anni di gioco del padel, avrei dovuto provare un nuovo swing per affrontare la sfida della CUPRA?

"Quello che ha ottenuto è stato sorprendente, date tutte le difficoltà: ci vuole un eccellente controllo biomeccanico", riassume Álvarez.

Il duello tra Bela e CUPRA non è ancora finito:
"Spero che mi venga presto presentata una nuova sfida dalla CUPRA. Qualunque cosa sia, cercherò di farlo di nuovo".

 

Fernando Belasteguín Padel

Fernando Belasteguín a Barcellona a giocare a padel con Cupra

Altri articoli Altri articoli

Nessun contenuto trovato